A cosa pensa il Pensatore di Rodin?



Questa scultura la conoscono tutti, o quasi: il Pensatore di Rodin.

Ovunque se ne trovano delle edizioni, da Parigi a Shangai, da Recife a Mosca.

Bloccato nel bronzo, pensa. Pensa giorno e notte dal 1880.

Passando, viene da chiedersi:

A cosa mai può pensare questo pensatore?

La scultura rappresenta un uomo seduto, piegato in avanti, il gomito destro sul ginoccio sinistro, il mento sulla mano.

Prima di avere questo nome, “il pensatore”, e di misurare 1,80 metri, la figura era posta su La Port de l’Enfer.

Una comanda dello stato francese su cui August Rodin lavorò per molti anni.

Auguste Rodin - Wikipedia
August Rodin

Il pensatore allora era di 70 cm e si chiamava “il Poeta” o “Dante”.

E a cosa pensa, dunque?

Pensa ai dannati, di cui osserva le pene. Medita sulle sofferenze umane, oggetto della Divina Commedia, in particolare dell’Inferno.

Dante2018, su Twitter sbarca e sbanca La Divina Commedia. Quando il social diventa cultura - Il Fatto Quotidiano

Per modellarlo, Rodin si ispira a figure come “La Melancolia” di Albrecht Dürer

Melencolia I - Wikipedia
1514

o “L’Ugolino” di Jean-Baptiste Carpeaux.

Jean-Baptiste Carpeaux | Ugolino and His Sons | French, Paris | The Metropolitan Museum of Art
1861

Nel 1888 Rodin rimuove questa figura dall’Inferno, la ingrandisce e la rende una scultura autonoma, che diventa “Il Pensatore”.

E lì a cosa pensava? Forse alla porta da cui è stato rimosso.

Suggerendo potenza e vulnerabilità, Rodin diceva del suo Pensatore:

Non pensa solo con il cervello, ma con ogni muscolo delle braccia, della schiena e delle gambe, con i pugni stretti e gli alluci tesi.

Nel 1906 viene posto davanti al Panthéon, tempio del pensiero francese.

Le Pantheon - Picture of Le Comptoir du Pantheon, Paris - Tripadvisor
Panthéon, Parigi

Veglia, così, su Voltaire, Rosseau e Hugo.

Le penseur de Rodin - Se connaître

Per i socialisti, il Pensatore diventa simbolo di democrazia e punto di raduno dei cortei.

Sarà spostato nel 1922 per il disagio delle autorità: oltre al simbolo, la sproporzione delle mani e dei piedi urta. Si parla di bruto enorme, di gorilla, di orango rabbioso.

Ma perché un simile scandalo?

La filosofa francese Fabienne Brugère spiega:

La scultura non è bella in senso classico.

La posa del Pensatore non si addice alla nobiltà delle convenzioni ed è in contrasto con tutte le proporzioni e le convenzioni riconducibili al modello della bellezza greca.

Infrangendo la tradizione, diventa un successo.

Alcune celebrità si fanno fotografare nella stessa posa.

È l’inizio di una lunga serie di varianti, di declinazioni, di appropriazioni.

Anche Banksy nella collezione dell'attore Robin Williams che andrà all'asta da Sotheby's ad ottobre

Viene così imitato, parodiato, preso in giro… e gli viene attribuita una serie di pensieri.

Altri scultori lo reinventano, fino a Nam June Paik che ne fa un narciso: filmato, il Pensatore si guarda in tv mentre pensa.

NAM JUN PAIK - TV RODIN le penseur - installation 1976-1978. | Rodin the thinker, Installation, Air conditioner installation

Nella proprietà dello scultore a Meudon, si trova sopra la sua tomba.

Come Dante, che meditava sui gironi infernali, il Pensatore è ora piegato sul suo creatore.

Il pensatore di Auguste Rodin: analisi