Accadde oggi 9 agosto

9 agosto 1930. Il personaggio Betty Boop debutta nel cartone animato Dizzy Dishes.

In questo cortometraggio, la sua figura non ha ancora l’aspetto defintivo che tutti conosciamo: qui indossa già il famoso vestito nero senza spalline e la giarrettiera, ma ha il viso da barboncino.

Dopo tre anni compare come una donna, ispirata al tono di voce ammiccante e infantile della cantante Helen Kane, con capelli corti e sfrangiati, vestitino succinto e bocca a cuore.

La figura di Betty Boop ha una carica erotica troppo fastidiosa per il pubblico di quegli anni, così gli autori sono costretti a farla diventare una casalinga.

La Kane non ha mai ricevuto nessun compenso per la sua controparte animata e decide di fare causa ai produttori, che tra l’altro non le hanno mai chiesto il permesso di realizzare un personaggio ispirato a lei.

Ma Kane perde la causa, perché il giudice  riesce a dimostrare che l’idea di Betty Boop non prende spunto da lei, bensì da una donna afroamericana, Esther Jones (in arte Baby Esther), una cantante jazz-cabaret che si esibisce nei nightclub di Harlem degli anni ’20.

Pare che Helen Kane sia diventata famosa rubando il motivetto “Boop-Bop-a-Doop” della Jones e riutilizzandolo in una delle sue canzoni.