Farmacista strangola sua moglie con una busta della spesa per vivere con il suo amante

Jessica Patel, 34 anni, è stata strangolata da suo marito Mitesh, 37 anni, nella loro casa di Middlesbrough (Inghilterra) nel maggio 2018 in un attacco premeditato. L’uomo aveva pianificato di trasferirsi in Australia per vivere con il suo amante, conosciuto sull’app Grindr per incontri sessuali gay.
La coppia gestiva una farmacia insieme ed era sposata da nove anni. Ma il matrimonio è servito solo per coprire la vera identità omosessuale di Mitesh, che si è approfittato dell’amore di sua moglie per tutto questo tempo.
Una volta Jessica ha raccontato a sua sorella che suo marito l’aveva picchiata per impedirle di andare a trovare la sua famiglia. Per portarla lontana da suo padre e sua madre, Mitesh aveva deciso di traslocare in un’altra città, dove sua moglie potesse essere più isolata.
In più occasioni le urlava davanti ai clienti della farmacia. In uno di questi episodi, lui le aveva lanciato il cellulare addosso, ferendole una gamba.
Jessica voleva a tutti i costi diventare madre, e si era sottoposta alla fecondazione assistita pur di avere un bambino, ma con vani risultati: nel frattempo suo marito assumeva sostanze medicinali idonee per impedire la fecondazione, inibendo l’attività dei suoi spermatozoi.
Il piano di Mitesh era quello di riscattare un’assicurazione sulla vita, uccidere sua moglie, inscenare un’irruzione in casa per giustificare l’omicidio e scappare via con gli embrioni congelati di sua moglie, per avere una famiglia con il suo amante.
Ma Mitesh non l’ha fatta franca ed è stato condannato a una pena detentiva di 30 anni.
La famiglia affranta di Jessica dice:
Il cielo ha guadagnato un angelo, ma il mondo l’ha persa. Jessica era una rarità: era bella fuori, e ancor di più dentro. Aveva un’anima veramente altruista e generosa e ha portato un’immensa felicità nella nostra famiglia. Aveva questo sorriso amabile che racchiudeva la sua natura gentile e la sua innocenza. Aveva tutta la sua vita davanti a lei, una vita in cui desiderava semplicemente il vero amore, una famiglia tutta sua e che vivessero felici e contenti. Soprattutto, il suo più grande desiderio era quello di essere madre, di condividere l’amore che aveva nel suo cuore e provare quella stessa felicità che lei ha dato a noi quando era una bambina. Meritava di avere una vita meravigliosa, ma questi desideri ora non saranno esauditi. Siamo estremamente fortunati ad aver avuto Jessica nella nostra vita”.