Noleggia un assassino sul dark web pagandolo in Bitcoin

Wisconsin, USA. Una donna è stata arrestata per aver pianificato un omicidio tramite il “dark web”.

Lo scorso dicembre, Kelly Harper ha assunto un sicario in questo mondo parallelo di internet, accessibile solo tramite un software speciale e progettato per funzionare nell’anonimato, in modo che l’attività illegale sia difficile da tracciare.

La 37enne voleva uccidere un uomo, così ha fornito alla persona una descrizione accurata della vittima: il nome, l’indirizzo di casa, il numero di telefono, l’aspetto fisico, modello e targa del veicolo e luogo di lavoro.

Il bersaglio deve essere ucciso, è un maschio bianco alto 5.5 piedi, capelli corti castano scuro, occhi azzurri, pesa 165 libbre.

I pagamenti sul dark web vengono effettuati utilizzando il Bitcoin, la criptovaluta.

Quando l’amministratore del sito ha richiesto il pagamento per finalizzare l’accordo, Harper ha risposto condividendo uno screenshot di un portafoglio bitcoin contenente 5.633,87 dollari.

La denuncia è scattata lunedì 8 febbraio in seguito alla segnalazione di un giornalista che ha scoperto il complotto mentre effettuava alcune ricerche all’interno di un sito di omicidi a pagamento.

Al momento la donna si trova in custodia cautelare nel carcere della contea di Dane, ma non è stata ancora fissata la data dell’udienza.

Se condannata, Harper rischia fino a 10 anni.