Siri, l’assistente donna a comando non è più preimpostata

0



La società Apple ha dichiarato che i suoi dispositivi mobili chiederanno agli utenti di scegliere tra una gamma di voci quando configurano l’assistente virtuale.

Attualmente, Apple consente di optare per una voce maschile o femminile e sei diversi accenti tra cui americano, britannico, indiano e irlandese, ma l’impostazione predefinita è una voce femminile per i dispositivi statunitensi.

(In alcuni paesi, come il Regno Unito, Siri utilizza per impostazione predefinita una voce maschile.)

Apple ha anche affermato che aggiungerà due nuove voci a Siri:

Siamo entusiasti di presentare due nuove voci Siri e l’opzione per gli utenti di selezionare la voce che desiderano quando configurano il proprio dispositivo.

Questo rappresenta il continuo impegno di Apple verso la diversità e l’inclusione e nell’offerta di prodotti e servizi progettati per riflettere meglio la varietà del mondo in cui viviamo.

Gli stereotipi di genere tra gli assistenti vocali come Siri, Alexa di Amazon e l’Assistente Google sono stati a lungo una fonte di preoccupazione.

Nel 2019, un rapporto delle Nazioni Unite ha avvertito che gli assistenti vocali perpetuano l’idea che

le donne sono aiutanti premurose, docili e desiderose di compiacere, disponibili con il semplice tocco di un pulsante o con un comando vocale schietto.

La maggior parte degli assistenti virtuali utilizza ancora una voce femminile di default, sebbene poi gli utenti abbiano la possibilità di cambiare.

Le modifiche a Siri sono già disponibili nella versione beta di iOS 14.5 di Apple e avranno effetto per coloro che configurano un nuovo dispositivo Apple, quando l’aggiornamento del software verrà rilasciato entro la fine dell’anno.

Why Siri is a woman
Susan Bennett, la voce di Siri



0